Come possiamo aiutarti?
 
 
Dieta chetogenica

Nina epilessia e sport

La dieta chetogenica e lo sport vanno di pari passo. Nina non solo mantiene il suo corpo in forma, ma anche il suo benessere mentale.

26.08.2020
5 min

Il profilo di Nina

Nome: Nina

Paese: Germania

Diagnosi: Epilessia

Dieta Chetogenica dal: 2019

Piatto Preferito: Zuppa fredda di avocado e cetrioli

Sport e Epilessia

Lo sport è una festa per il corpo, una danza per la forma fisica e una ricarica di energia per l'anima. Spesso trovo queste parole incise su riviste o sventolate su striscioni pubblicitari, e probabilmente risuonano con la maggior parte delle persone. Anche per me, lo sport rappresenta un capitolo essenziale della mia vita. Ma, come accade a tutti noi epilettici, c'è un po' di attenzione in più da dedicare a questa passione. Oggi, voglio raccontarvi la mia esperienza con lo sport nell'ambito dell'epilessia e darvi qualche consiglio su come affrontare il binomio sport e dieta chetogenica. Dunque, mettetevi le scarpe da corsa, indossate l'abbigliamento sportivo, e si parte!

La mia epilessia non mi mette di fronte a un divieto di sport. Anzi, oserei dire di più: la dieta chetogenica e lo sport si sposano alla perfezione nella mia vita. Penso che molti atleti potrebbero beneficiare di questa combinazione. Sostanze come l'acido lattico, generato durante l'attività fisica, fungono da barriera al mio potenziale epilettico. Mentre mi dedico allo sport, il mio corpo attinge alle riserve di grasso, bruciandole come carburante. Ecco perché devo fare attenzione a non spingermi troppo oltre, evitando di esaurire le mie energie. Il mio corpo ha bisogno di grasso come fonte di energia principale. In generale, sport come pallavolo, danza, ginnastica, atletica leggera e fitness sono più che consigliati. Per ciclismo, sci, equitazione e nuoto, occorre una certa dose di attenzione e magari una supervisione. Sport come immersioni, motorsport, arrampicata o parapendio dovrebbero essere evitati, soprattutto per il possibile rischio di un attacco durante l'attività. I miei rari attacchi sono solitamente legati al sonno, il che mi consente una certa flessibilità nella scelta degli sport. Per precauzione, evito di nuotare senza la sorveglianza di amici o parenti.

Dopo lo sport, mi sento in forma e la mia testa è libera dallo stress e dal caos. Il ballo, in particolare, è un ottimo modo per rilassarsi, anche se all'inizio ho sottovalutato lo sforzo fisico. Trovate uno sport che vi piaccia. Poi mettete in valigia un booster e acqua a sufficienza! In questo modo, niente vi ostacolerà.

Nina ama lo sport

Così mi aiuta la Dieta Chegonica 

Mi potreste vedere praticamente ogni giorno in sella alla mia bicicletta - è la mia passione suprema. Ogni tanto, per mantenere il corpo in forma, faccio una capatina in palestra. Ma da quest'estate ho scoperto una vera e propria passione: il flamenco. Per me è fondamentale che ci sia sempre qualcuno nelle vicinanze o almeno che qualcuno sia al corrente di ciò che sto facendo e dove mi trovo. Tanto nello studio di danza quanto nella sala fitness, ho sempre a portata di mano farmaci d'emergenza e una piccola scorta di sale. Il sale, nel mio caso, scatena uno stimolo gustativo che può aiutarmi durante gli attacchi leggeri. Per gli attacchi più intensi, ho a disposizione il farmaco d'emergenza. Finora, durante il giorno, non è mai stato necessario utilizzare né l'uno né l'altro, ma meglio prevenire che curare.

Particolarmente importante è per me fare attenzione a bere sempre a sufficienza. Durante attività sportive che durano un'ora o più, è essenziale assumere un "potenziatore", che può essere sotto forma di cibo o bevanda, per rifornire le riserve di chetoni. Perché? Durante lo sforzo fisico, c'è il rischio di ipoglicemia, e invece di ipoglicemia, ci ritroveremmo con una "ipochetosi", che va corretta con un "ketobooster". Questi ketobooster hanno un contenuto di grassi molto elevato e quasi nessun carboidrato. Nello studio fitness o di danza, preferisco i DeliMCT CacaoBiscuits o le tavolette CacaoBar. Sono deliziosi, facili da trasportare e mi forniscono l'energia di cui ho bisogno. Dopo lo sport, mi piace concedermi uno shake con KetVit o KetoBiota, che preparo già a casa e gusto dopo l'allenamento.

Divertitevi e a presto!

La vostra Nina

Altri contenuti della Community su questo argomento
Dieta chetogenica

Le regole per una buona cucina chetogenica

In questo articolo, Susanne vi spiega come crea le ricette per la dieta chetogenica e a cosa fa attenzione...

20.11.2023
8 min
Dieta chetogenica

Terapia Chetogenica e salute dentale

Grazie al suo basso contenuto di carboidrati, la dieta chetogenica è una vera amica dei denti. Tuttavia, è anche possibile mangiare dolci durante la terapia chetogenica grazie ai sostituti dello zucchero e ai dolcificanti. Queste alternative hanno però un impatto sulla salute dei denti... Quale influenza hanno gli zuccheri nascosti nella dieta chetogenica? Troverete la risposta in questo articolo...

25.10.2023
8 min
Dieta chetogenica

Dieta Chetogenica: "Aiuto, come lo dico alla mia famiglia?"

Con l'inizio della dieta chetogenica, le sue condizioni sono molto migliorate così come la voglia di uscire. Al suo cambiamento le persone che le stanno vicino hanno reagito in modi molto diversi: dall'interesse al rifiuto o addirittura agli insulti.All'inizio questo cambiamento è difficile anche per la sua famiglia.  Nell'articolo, Susanne ci racconta come ha reagito in queste situazione e come le affronta oggi.

 

30.03.2023
7 min